Benvenuto nel blog MarinaBay. Buona navigazione!

Quali sono i migliori materassi a molle?

Il materasso a molle rappresenta ancora oggi un modello molto apprezzato, nonostante il mercato offra prodotti di nuova generazione come i materassi in lattice o in memory Foam.

Il modello a molle non è più il classico materasso tanto caro ai nonni, ma si è evoluto grazie all’utilizzo di sistemi innovativi, che lo rendono paragonabile per confort a quelli di nuova generazione.

Il cambiamento fondamentale consiste nell’utilizzo della tecnologia a molle insacchettate.

Il modello a molle classico

I classici materassi a molle utilizzano il sistema Bonnell, costituito da un tappeto di molle uguali tra loro, legate da spirali di acciaio e unite tramite ganci.
La caratteristica di questi materassi è che quando vengono sollecitati dal peso del corpo, tutte le molle della struttura si deformano contemporaneamente.
Ciò non consente una distribuzione equa del peso del corpo. In particolare testa, bacino e spalle non ricevono un sostegno adeguato.
La colonna vertebrale e il collo tendono a incurvarsi e questa posizione innaturale causa spesso mal di schiena.
Frequente è anche la sensazione di pesantezza delle gambe al risveglio, perché la posizione non favorisce una buona circolazione del sangue.
Con il tempo poi le molle perdono rigidità creando nel letto degli scomodi avvallamenti.
Quando il letto è matrimoniale, soprattutto se la differenza di peso tra i partner è notevole, i movimenti notturni dell’uno possono disturbare l’altro.

Il modello evoluto a molle insacchettate

Tra il classico materasso a molle e quello più evoluto la differenza fondamentale è nell’utilizzo delle molle insacchettate invece di quelle classiche.
I nuovi modelli hanno molle indipendenti racchiuse singolarmente in sacchetti di tessuto traspirante, incollati tra loro per permettere alle molle di mantenere la corretta posizione.
Le molle si comprimono solo dove viene esercitata la pressione e reagiscono al peso del corpo sostenendone tutte le parti in maniera adeguata.
In questo modo è il materasso che si adatta al corpo, assicurando il massimo confort alla colonna vertebrale e garantendo una migliore qualità del riposo.
La perfetta adattabilità rende questo tipo di materassi paragonabili a quelli in lattice o in Foam.

In commercio sono disponibili diversi modelli a molle indipendenti, che hanno all’interno dalle 300 fino alle 7000 molle.
Per essere considerato di buona qualità e garantire un corretto sostegno al corpo, il materasso a molle indipendenti deve contenere minimo 600 molle.
In generale minore è il numero di molle, più il materasso risulterà rigido.

Questo tipo di materasso è adatto in particolar modo a chi soffre di dolori lombari, asma, apnee notturne e reflusso gastrico.
È l’ideale anche per le donne in gravidanza e per le persone di corporatura robusta perché la struttura meno cedevole agevola i movimenti.

Nella scelta del materasso fondamentali sono anche il rivestimento esterno e l’imbottitura.
Per il rivestimento esterno meglio scegliere materiali naturali, per evitare problemi di sudorazione: cotone per il lato estivo e lana merinos per il lato invernale.
Per le imbottiture e i sacchetti possono essere impiegate le stesse fibre naturali o materiali sintetici come il lattice, la schiuma di poliuretano e il memory Foam.
Il lattice è consigliato ai soggetti allergici o sensibili ad acari e polveri.
Il memory Foam è anatomico e si adatta perfettamente alla forma del corpo distribuendo equamente il peso.

Il materasso a molle risulta essere il più traspirante perché è vuoto all’interno.
Il ricircolo dell’aria evita il ristagno del sudore e i cattivi odori.

Visitando il sito www.sonnoesonno.it avrete la possibilità di scoprire diversi modelli di materassi a molle. Scegliete quello più adatto alle vostre esigenze.

Back to top