Benvenuto nel blog MarinaBay. Buona navigazione!

Bonsai da interno e da esterno: le differenze

Il mondo dei Bonsai è caratterizzato da due categorie di piante: i bonsai da interno e da esterno. Le loro differenze sono interessanti ed è per questo che gli appassionati del giardinaggio amano entrambi le categorie.

Vediamo più nello specifico quali sono le caratteristiche dei bonsai da interno e da esterno e i loro tratti distintivi. I primi provengono dalle zone tropicali o comunque caratterizzate da temperature moderate. Il loro facile adattamento a qualsiasi tipo di abitazione è una qualità peculiare. Il freddo dell’inverno è il loro principale nemico, ecco per quale ragione è necessario tenere questi alberi all’interno sia nella stagione invernale che autunnale. Dai mesi primaverili fino all’estate, infine, possono stare all’esterno delle case.

I bonsai da esterno sono alberi che possono stare anche in balcone o in giardino. Le temperature troppo basse e il caldo secco non sono per loro ideali. Il freddo, invece, è vitale per determinare il loro ciclo vegetativo.
Le differenze tra bonsai da interno e da esterno devono essere attentamente rispettate affinché questi alberi possano vivere e crescere tranquillamente. La loro bellezza è unica ed è determinata dal rispetto di queste condizioni essenziali.

Se avete deciso di acquistare un bonsai è importante conoscere le giuste informazioni e rivolgersi a chi si intende delle diverse varietà. Oltre al rispetto delle condizioni essenziali, ovvero, le temperature, gli esperti offrono dei consigli relativi alla cura ed il mantenimento della pianta. Un acquisto deve essere ben guidato e deve tener conto delle differenze tra bonsai da interno e da esterno.

In un piccolo appartamento dove lo spazio esterno non permette di mettere delle piante, si può optare per l’acquisto di un bonsai da interno. Luminosità e temperature moderate saranno le condizioni necessarie per tenerlo sempre in vita.
Se la casa è buia, è meglio optare per un bonsai da esterno. Un balcone, una veranda o un piccolo spazio esterno saranno i luoghi ideali per mettere diverse varietà e creare un piccolo angolo dedicato al mondo delle piante basse.

I bonsai da interno possono essere posizionati su un sottovaso caratterizzato da una piccola quantità di acqua e da argilla espansa. Il terriccio, infatti, deve restare sempre umido.
I bonsai da esterno, invece, devono essere tenuti sempre fuori. Nei mesi estivi devono essere protetti dal sole, quindi hanno bisogno di spazi ombreggiati. Nei mesi invernali, invece, è necessario proteggere il vaso in modo tale che le radici non si gelino.

La manutenzione dei bonsai da interno e da esterno segue delle regole ben precise. Di solito i vivai o i centri dove si possono acquistare questi alberi mettono a disposizione della clientela degli opuscoli molto utili. Anche il sito iBonsai, inoltre, si occupa di offrire informazioni per chi non conosce ancora le varietà.

La bellezza dei bonsai da interno e da esterno dipende dalla cura. Se si trascurano le fasi di innaffiatura e potatura, questi alberi crescono male, non restano compatti e la ramificazione diventa troppo grossa. Sono delle piante vive e, per questo, devono essere annaffiate ogni volta che la terra nel vaso inizia ad asciugarsi. Le radici, infatti, necessitano di acqua in modo costante. Un’altra tecnica importante per la cura dei bonsai è la potatura utile per dare e conservare la forma a questi alberi.

Sul sito internet iBonsai potete trovare numerose spiegazioni sulle tecniche e sulle metodologie che riguardano il mondo dei bonsai. Chi intende avvicinarsi a questa arte affascinante e che vanta una lunga tradizione, può visitare questo sito e iniziare ad approfondire le differenze tra i bonsai da interno e da esterno.

Back to top