Benvenuto nel blog MarinaBay. Buona navigazione!

Stile da cani: animali domestici alla riscossa

Da sempre l’uomo ha ricercato la compagnia di un animale, allevando bestiole di ogni tipo, forma e dimensione. Ma oggigiorno tenere un animale in casa è diventato un vero e proprio stile di vita, con tanto di spazio riservato in fondo al tg. Di certo non mancano i padroni più esotici che si coccolano un pitone tenendosi nel freezer topolini stecchiti  tra il gelato e i bastoncini di pesce oppure servono deliziosi insetti a serafiche iguana. Tuttavia è molto più frequente trovare personaggi meno wild che si limitano a trotterellare accanto a un pastore tedesco o a un barboncino.

Naturalmente la scelta è ampia dalla taglia small a quella XXL, dal minimalista chihuahua al titanico alano, dal raffinato pedigree al semplice meticcio, ma in tutti i casi il minimo comune denominatore resta lo stesso: l’animale umanizzato si accompagna ad un umano che un po’, siamo onesti, scende di qualche gradino la scala dell’evoluzione. Perché se è giusto che il cane visiti di continuo i suoi paesi bassi con la lingua (per carità nessuno si aspetti che vada in toilette) è anche vero che non è tanto legittimo che quella stessa (stessa!) lingua scorrazzi sulla faccia del padrone. Di certo vestitini, cappottini e cappellini sono tanto carini, tuttavia possono risultare ingombranti magari per un rottweiler che si ritrova abbigliato come cicciobello.

È poi legittimo chiedersi chi sia il padrone tra i due esseri: l’entità che esce al mattino per fare pipì o quella che per risparmiarsi il parquet viene trascinata fuori dal letto alle 6:00 sotto la pioggia  e passa mezzora a perlustrare alberi e raccogliere escrementi? Ma dopotutto al cuore non si comanda e cosa non si farebbe per un paio di occhioni da cucciolo? Perché si, la disamina è onesta, un animale da compagnia costa, sporca e stanca e non necessariamente in quest’ordine; eppure allo stesso tempo coccola, rilassa, rallegra e protegge, colma tempi e spazi. Non a caso esiste la pet therapy. E se chi diceva “più conosco gli uomini più amo le bestie” era senza dubbio un estremista disincantato, non si può negare il fascino di un amico a quattro zampe.

Back to top