Benvenuto nel blog MarinaBay. Buona navigazione!

Il livello professionale dei commercialisti in Spagna

La Spagna è l’unico paese dell’Unione Europea dove si può attingere alla carriera di Dottore Commercialista senza per forza conseguire un esame di abilitazione o un periodo di tirocinio

 

I VANTAGGI DELLA SPAGNA PER CONSEGUIRE LA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA 

 

In Spagna tutte le varie professioni non sono determinate dal superamento di un esame specifico che ne determini la validità ma basta semplicemente aver conseguito una laurea triennale, che se viene conseguita in Italia o in un altro paese dell’Unione Europea poi viene convertita automaticamente in Licenciado (titolo di studio spagnolo che equivale alla laurea triennale) che viene categorizzato come documento valido per l’iscrizione all’albo professionale. 

In Italia, per diventare commercialista, è necessario un periodo di 5 anni di pratica post-laurea sotto tirocinio, tre esami scritti, uno pratico e uno orale che non è nient’altro che l’esame di stato finale per la qualifica professionale.

In Spagna invece si può fare tutto ciò in 8 mesi, basta avere una laurea triennale e iscriversi al GRADO DE ECONOMIA 100% ON-LINE, breve corso di una durata di 6 mesi che permette poi di accedere all’albo dei professionisti spagnoli e al riconoscimento della professione nel paese di origine (in questo caso parliamo dell’Italia). 

 

IL PERCORSO SPAGNOLO EUROLEX 

 

Per qualsiasi neo-laureato italiano o cittadino dell’Unione Europea che vuole attingere alla qualifica professionale di Dottore Commercialista in Spagna, esiste la possibilità di iscriversi al Percorso Spagnolo Eurolex. 

Le lauree omologabili presenti all’interno di questo percorso sono:

  • Economia Aziendale 
  • Economia Classica
  • Scienze Finanziarie 
  • Scienze Politiche a indirizzo economico 

IL Percorso Eurolex viene diviso in tre fasi:

  • domanda di riconoscimento 
  • iscrizione al Grado En Economia con conseguimento del corso
  • iscrizione all’albo spagnolo con la qualifica di Economista 

 

I VANTAGGI SULLA FATTURAZIONE 

 

Tramite accordi finanziari inter statali tra vari paesi dell’Unione Europea, tra Spagna e Italia è esente la doppia tassazione tra professionisti che esercitano la propria pratica da un Paese all’altro. 

Questo è un fattore vantaggioso molto importante da tenere conto se si vuole aprire un’attività da Commercialista in Spagna, perché oltre alla maxi riduzione delle tempistiche per il raggiungimento della qualifica professionale post-laurea si aggrega anche il dimezzamento delle imposte sui valori aggiunti, che di solito possono essere molto elevate in caso di elevata fatturazione annuale. 

La percentuale media dell’Iva in Spagna risale circa al 21% con una percentuale che può raggiungere anche valori minimi come il 6% nelle isole Canarie. 

Le aliquote sono state inoltre ridotte del 10% per tutte le professioni. 

Se si vuol aprire un’attività da Commercialista in Spagna è inoltre necessario procedere alla Dichiarazione Delle Imposte ogni anno entro il 30 Giugno, che permette alla Camera di Commercio di applicare eventuali agevolazioni in base allo stato civile del contribuente se categorizzato come residente fiscale. 

Per quanto riguarda invece l’IRPEF, l’imposta diretta può cambiare di continuo da un governo regionale a un altro, visto che le regione della Spagna godono di un regime autonomo.

 

Fonte: www.renatospizzichio.com

Back to top